Bava di lumaca: bellezza da brivido!

Per apparire bisogna soffrire, recitavano le nostre nonne. E a quanto pare anche le nonne inglesi, se oggi le loro nipoti sono disposte a mettersi addirittura in coda, dieci sterline alla mano, per sperimentare l’ultimo preparato “salvaviso” a base di… Bava di lumaca! Proprio così, avete capito bene: l’ultimo ritrovato in fatto di cosmetica è un prodotto contenente un siero estratto dalla bava delle lumache, a quanto pare in grado di fare miracoli rinforzando, ringiovanendo, schiarendo e lisciando la pelle del viso.

capibell-crema-lumaca.jpg

La crema miracolosa è stata messa a punto dai Laboratorios Lissa, in Colombia, ma la sua scoperta è frutto di una casualità: alcuni addetti di un acquario, dopo aver maneggiato per giorni le lumache contenute in una vasca, si sono accorti di avere le mani incredibilmente morbide e lisce.

Le proprietà benefiche della bava di lumaca, del resto, erano note già nell’antichità: i greci le mangiavano dopo una malattia per recuperare le forze, mentre secondo i medici romani erano in grado di curare le gastriti e cicatrizzare le ulcere.

La crema per il viso a base di bava di lumaca, presentata negli scorsi giorni a Milano, sarà commercializzata tra circa un anno a partire dall’Inghilterra con il nome di Capibell Cream. E in tantissime sono già in attesa: basta digitare il nome del prodotto in Internet per scoprire centinaia di forum in tutte le lingue. Ma tu la proveresti? Si chiedono le donne. A quanto pare la risposta è sì.

Del resto il mondo della cosmetica non è nuovo all’utilizzo di ingredienti non esattamente asettici: negli Stati Uniti una crema arricchita con le proteine estratte da un serpente promette effetti simili al Botox, mentre in Cina il muco di ape è l’ingrediente miracoloso di una crema supernutriente. E che dire del prodotto norvegese a base di vitamina E estratta dal liquido seminale?

La bellezza non è roba da stomaci deboli!

Bava di lumaca: bellezza da brivido!ultima modifica: 2011-05-19T00:56:56+02:00da ellia1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento