VILLAGGIO CHOC: “CREMATO? NO, VOGLIO ESSERE BOLLITO”

“Invece che essere cremato, penso alla possibilità di essere bollito”, un’idea quantomeno “originale” quella di Paolo Villaggio: “Mi immagino – ha dichiarato a Marie Claire – un bel pentolone in piazza del Popolo a Roma, con i fiori dentro, la preparazione, tu che arrivi e tutti che applaudono. Però devi avere il diritto a essere preservato da cose umilianti, tipo il limone o la carota. La carota può suscitare ilarità!”.
Come in passato, nell’intervista passa dalla religione ai talk show: “Dio e l’aldilà sono tra le invenzioni più pericolose della storia del pianeta, oltre alla monogamia. La tv poi è una straordinaria dittatura. Ha avuto la facoltà di abbassare il livello culturale del paese. Ne ho fatto parte, ma ho cercato di modificarla e mi sembra di esserci riuscito: la mia tv era paradossale e autocritica, adesso è ipocrita. E per questo non mi invitano più ai talk show”.

20110916_paolo-villaggio.jpg

VILLAGGIO CHOC: “CREMATO? NO, VOGLIO ESSERE BOLLITO”ultima modifica: 2011-09-16T22:09:34+02:00da ellia1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento