Confessioni in parrocchia. “Il prete è sordo e assolve chiunque”

 

“Al prete possiamo raccontare tutto ciò che vogliamo tanto non sente. Alla fine ci assolve e via”. Lo racconta un giovane a Oggitreviso.it, spiegando la singolare situazione di un prete di una piccola parrocchia della Marca. E proprio per questo nella chiesa era stato registrato un incredibile boom di confessioni. Il segreto? Il prete è sordo.

Il parroco, più che ottantenne, sembra passare la maggior parte del tempo a sistemare un apparecchio acustico che gli fischia in continuazione. E così i ragazzini della comunità, un po’ per divertirsi, un po’ per sentirsi liberi da sensi di colpa anche se sono peccatori recidivi, si fanno confessare da lui. Giurano di non essere mai stati così tranquilli nel confessare colpe, peccati, persino piccoli reati. Tanto sanno che lui, il parroco che li “ascolta” e gli dà l’assoluzione, di quello che dicono non sente praticamente nulla.

Un ragazzino spiega: “Confessarsi per noi della parrocchia è un’esperienza troppo divertente. Di fronte al prete possiamo raccontare tutto ciò che vogliamo. Si siede con noi e si appresta ad ascoltarci, ma dopo qualche secondo il suo apparecchio acustico fischia, così lui se lo toglie dalle orecchie e inizia a sistemarlo con le mani. Noi continuiamo a parlare e, alla fine, quando il parroco si rimette l’apparecchio, lo rassicuriamo di aver riferito ogni peccato. Lui ci assolve, ci da la mano e via. La confessione è andata”.

 

 

Confessioni in parrocchia. “Il prete è sordo e assolve chiunque”ultima modifica: 2012-04-29T16:45:00+02:00da ellia1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento