L’Emilia vive un’altra notte di paura Si contano cinquantadue nuove scosse

Sono state 52 le scosse registrate durante la notte nella zona dell’Emilia Romagna colpita in dieci giorni da due violenti sismi, che hanno causato un totale di 24 morti e circa 15.000 sfollati. La scossa più forte a Mirandola, intorno alle 6.20, ha raggiunto una magnitudo di 3.6 gradi ed è stata chiaramente avvertita dalla popolazione. Prime misure del governo: tagli alla spending review, aumenti della benzina e rinvii dei versamenti fiscail.

07:31 Forte scossa a Mirandola

Il terremoto più forte, tra quelli delle ultime ore, è stato registrato verso le 6.20, nei pressi di Mirandola (Modena). La scossa ha avuto una magnitudo di 3.6 ed è stata avvertita dalla popolazione. Al momento non si segnalano ulteriori danni.

04:16 Scossa di magnitudo 2.7

Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), delle scosse registrate nella notte la più forte è stata in territorio lombardo alle 4:16, con magnitudo 2.7. Il sisma ha avuto ipocentro a 10 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni mantovani di Borgofranco, Magnacavallo, Ostiglia, Pieve di Coriano, Poggio Rusco, Quingentole, Revere, San Giovanni del Dosso, Schivenoglia, Serravalle, Sustinente e Villa Poma, di quello veronese di Gazzo e di quello rodigino di Melara.

L’Emilia vive un’altra notte di paura Si contano cinquantadue nuove scosseultima modifica: 2012-05-31T09:19:00+02:00da ellia1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento